L’ABC… Base Pizza

Come potrebbe mancare  sul mio blog la ricetta per la pizza perfetta?
Non solo perché, come ormai avete capito, le mie origini sono chiaramente campane, ma perché in assoluto la pizza è il piatto che mangerei sempre!
Mattina, mezzogiorno e sera, se c’è pizza in casa una fettina io la devo avere!

Dopo questo mio outing, ammettendo la mia dipendenza da pizza, potrete ben capire che imparare a farla in casa per me è stata una necessità più che una scelta.
Sì,  perché  io non solo sono amante della pizza, ma pretendo di mangiare pizza ottima in qualunque posto del mondo io mi trovi, e non mi accontento di futili surrogati.
Io voglio mangiare pizza ben lievitata, fragrante, non troppo bassa, non gommosa e con condimenti ad hoc!
Infondo non ci sono grandi segreti, la pizza è pura semplicità d’ingredienti.
Acqua, farina, lievito, sale, olio e impastare tanto e bene con le mani!
La piazza è arte, è amore e va condivisa con le persone care.
Io ho imparato a farla guardando mia madre. Per me è sempre come tornare bambina quando vedo il mio impasto lievitato. Pura gioia.

impastopizza_gusciduovolc

Ingredienti x 5 pizze tonde

  • 1 kg farina 0
  • 200 ml acqua tiepida
  • 10 gr di  lievito di birra
  • Olio EVO 1 cucchiaio
  • Sale 20 gr
  • 2 cucchiaini di zucchero

Procedimento:
Disporre la Farina di tipo 0 [troverai utile questo articolo]   a fontana sul tavolo di legno. Sciogliete il lievito in mezzo bicchiere di acqua tiepida aggiungendo i due cucchiaini di zucchero. Lo zucchero andrà ad attivare la lievitazione. Versare il lievito al centro della fontana e iniziare a impastare. Quando il lievito sarà stato bene assorbito aggiungete un altro mezzo  bicchiere d’acqua, dove andrete a sciogliere il sale.
Fate attenzione, il sale non va mai aggiunto insieme al lievito, questo comprometterebbe la riuscita di una buona lievitazione.
Aggiungete un cucchiaio di olio evo e continuate a impastare. Poco alla volta aggiungete l’acqua rimanente. Per quanto riguarda la quantità d’acqua potrete notare che a volte utilizzerete meno di quella indicata a volte ve ne occorrerà di più.
Dovete imparare a capire l’impasto. Quando vedete che ha raggiunto una consistenza compatta e riuscite a lavorarlo con facilità siete arrivati alla dose giusta. L’impasto va lavorato bene e vigorosamente per almeno 15 minuti finché non avrà un aspetto liscio.

Come sapete il momento più importante è la lievitazione.
Più la lievitazione sarà lunga, più la pizza sarà digeribile. Quindi, se potete, lasciate lievitare 24 ore. Se invece avete deciso di invitare amici stasera a cena, impastate la mattina per avere l’impasto la sera. In ogni caso non è consigliabile farlo lievitare meno di 4 ore.

Come possiamo proteggere il nostro impasto durante il processo di lievitazione?

Il nostro nemico principale è il freddo!
D’inverno è un’impresa per me cercare di proteggere il mio impasto. La tecnica che ho adottato è questa.
Mi sono procurata due bacinelle capienti e di uguale dimensione. Metto un po’ di farina sul fondo della prima, adagio sopra il mio impasto, copro con l’altra bacinella a mo’ di cupola, chiudo le bacinelle in un sacchetto di tela e avvolgo il tutto con un plaid che uso chiaramente solo per questo. Sì, io ho il plaid per la pizza!
Il fagotto così pronto lo ripongo all’interno del forno spento ma che ho fatto riscaldare per giusto un minuto prima. Forno chiuso e inizia la lievitazione.
Lo so, sembra eccessivo ma da me fa molto freddo! Se avete il camino, come la mia mamma, mettete il vostro fagotto vicino al fuoco ma evitate il plaid, potrebbe prendere fuoco!

lievitazione_Pizza_gusciduovo_lc

Un’ora prima della cottura prendete il vostro impasto e dividetelo in pagnotte di uguale peso.  In media una pagnotta per pizza tonda deve pesare sui 300 gr. Se decidete di fare invece  delle teglie fatele da 500 o 600 gr.

Per stendere la pizza usate le mani.
Prendete una pagnotta alla volta e sbattetele letteralmente sul tavolo di legno, poi con i polpastrelli  andate a togliere l’aria come se steste suonando il piano. Se proprio non vi riesce di stenderla a mano usate il mattarello, infondo non siamo pizzaioli!
Per la cottura: forno al massimo, teglia al centro per 10-15 minuti.
pizza_Marghrita_patate_gusciduovo_lc

Ricordo che…
per i condimenti avete la massima scelta, anche se la mia preferita è sempre la margherita. Pomodoro, tanta scamorza di bufala, filo d’olio e basilico… mmmhh sento il profumo!

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Annunci

6 Comments Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...