Atipicamente Arancini

Fritto misto e fantasia

AlternativamenteArancini_1_gusciduovo.jpg

Spesso mi piace accompagnare i secondi di carne, come pollo o tacchino, con un contorno di riso basmati, cotto al naturale e poi condito con un filo di salsa di soia. Confesso … sarà la fame, sarà che ho sempre paura che sia poco… ma mi capita spesso di cucinarne un po’ in più… un po’ abbondante diciamo… sarà capitato anche a voi, no?  Sapete, ne abbiamo parlato tante volte, odio gli sprechi, e quindi ecco come nasce questa ricetta.
I siciliani in ascolto non storcano il naso… NON SONO ARANCINI… sono Atipicamente Arancini… chiamarli palle di riso pareva brutto!

Ingredienti per 20 pz:

Ripieno

Impanatura

  • 4 cucchiai di farina 00
  • 200 ml di acqua
  • Pangrattato qb.

Olio di semi di girasole per friggere

Procedimento

Come ogni buona ricetta del riciclo e svuota frigo il procedimento va personalizzato a seconda degli ingredienti che volete aggiungere. Voglio però consigliarvi un metodo di impanatura che è ottimo, facile e senza uova.
Vi ho già mostrato, nella mia ricetta del polpettone al forno [⇒], come faccio la doppia impanatura, che sigilla alla perfezione e crea una crosta croccante.
In questo caso non utilizzeremo l’uovo ma una pastella a base di farina e acqua. Ma procediamo con ordine.

AlternativamenteArancini_2_gusciduovo.jpg

Per preparare gli Atipicamente Arancini vi occorre del riso bianco lessato, a me era avanzato, ma nessuno vieta di cucinarlo per realizzare la ricetta. L’importante è che sia ben freddo.
Io ne ho fatto due versioni, metà rossi metà bianchi.
Per realizzare gli arancini bianchi aggiungere al riso il parmigiano grattugiato, il pepe, un filo d’olio evo il sale, mescolate il tutto, come fate per le polpette e iniziate a ricavare delle piccole palline, se volete al centro potete aggiungere un pezzettino di scamorza. Arrotolate bene e continuate fino a terminare tutto l’impasto. Per gli arancini rossi basterà aggiungere all’impasto due cucchiaini di concentrato di pomodoro. Io ho usato il Concetrato di pomodoro Supercirio che non ha bisogno di essere diluito in acqua, potete aggiungerlo direttamente all’impasto. Il resto del procedimento è identico.

AlternativamenteArancini_3_gusciduovo.jpg
Arriviamo alla preparazione della pastella. Questa pastella mi è stata insegnata da una cuoca, titolare di una rosticceria che faceva dei crocchè spettacolari.

Semplicemente:  prendete una ciotola, versate 4 cucchiai di farina e aggiungete l’acqua mescolando con una forchetta, dovete ottenere una consistenza cremosa. Preparatevi un’altra ciotola con il pangrattato. Io preferisco utilizzare una ciotolina piccola, e aggiungere di volta in volta il pangrattato, un po’ per evitare sprechi  un po’ perché così mi basta shakerare la ciotola per impanare (come per la ricetta degli involtini di Lonza… ricordate?).
Perfette le ciotoline delle ricottine.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Procedete prendendo una pallina alla volta, passatela nella pastella, che sia ben coperta, con una forchetta alzatela dalla crema e immergetela nel pangrattato. Fate roteare in modo che il pane si attacchi perfettamente e vada a sigillare il riso. Ripetete l’operazione ancora una volta (Doppia impanatura).
Prima pastella e poi pangrattato. Semplice no? Mettete da parte e continuate con le alte palline.
Vi consiglio di preparare gli arancini in anticipo e tenerli un paio d’ore in frigo.
Al momento di friggere, abbondante olio di semi di girasole ben caldo. Fate la prova stecchino, se sfrigola potete immergere gli arancini. Non troppi insieme, altrimenti la temperatura dell’olio si abbassa troppo e gli arancini assorbiranno troppo olio, si inzupperanno e a quel punto il fritto sarà perso…

AlternativamenteArancini_11_gusciduovo.jpg

Cottura un paio di minuti, quando gli arancini avranno assunto una bella doratura alzateli dall’olio e disponeteli su carta paglia. Servite subito, il fritto è buono quando è caldo.

Avrete realizzato dei deliziosi mini arancini, perfetti come aperitivo, un finger food delizioso ed economico.

AlternativamenteArancini_14_gusciduovo.jpg

Ricordo che
Questa pastella è favolosa per impanare e realizzare fritti misti, ma anche per preparazioni al forno, come il polpettone o cordon bleu. Potete dare sfogo  alla vostra creatività. Potete realizzare mozzarelline o olive ascolane… provate con i gamberetti. Sentirete che bontà.

Potete preparare gli arancini e congelarli. Al momento di friggerli cacciarli dal congelatore e immergeteli nell’olio, senza farli scongelare.

collaboration:

Annunci

10 commenti Aggiungi il tuo

  1. Noi siciliani non capiamo perché li chiamate al maschile XD sono arancine! 😌

    Liked by 1 persona

    1. Gusciduovo ha detto:

      😀 😀 😀 femmine so! ok… da oggi arancine… anche se a noi suona meglio al maschile … non so perché 😀

      Liked by 1 persona

      1. Ahahah ma femmine sono 😁 sentirle “arancini” fa pensare a qualcos’altro 😆

        Liked by 1 persona

      2. Gusciduovo ha detto:

        😀 o nooo….. allora da oggi, giuro, le chiamerò arancine!

        Liked by 1 persona

  2. Dall’intro pensavo li avessi riempiti di carne!

    Liked by 1 persona

    1. Gusciduovo ha detto:

      no, no…solo riso in questa versione… ma volendo la carne ci sta bene…

      Liked by 1 persona

  3. Ottima idea! Complimenti per il blog!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...